21 luglio 2011

Farsi vedere in moto


Da qualche anno si stanno diffondendo capi di abbigliamento con colori definiti 'ad alta visibilità'. E' una tendenza che arriva dal Nord Europa, dove un clima non certo benevolo limita anche la visibilità degli automobilisti. Purtroppo nel nostro Paese impera il colore nero, per l'abbigliamento moto. Diverse le motivazioni: fa molto maschio, mostra meno lo sporco e quindi si lava meno, quindi i capi durano di più. Ma ci sono diverse ragioni contro questa scelta cromatica.

Potremmo iniziare dalla scarsa fantasia, tutti vestiti di nero sembriamo uguali. Ma aggiungo anche il comfort, durante i mesi estivi il nero attira maggiore calore e quindi sentiamo più caldo. Per finire con la questione sicurezza, la più importante.

Questo grafico mostra la scala relativa alla visibilità, in caso di guida notturna con i relativi tempi di reazione. Durante il giorno va meglio, ma la sostanza non cambia. Escludendo dei capi di colore bianco, i colori ad alta visibilità rappresentano una sicurezza in più.

Ricordiamoci che chi va in auto è spesso distratto da molti elementi: ascoltare la radio, chiaccherare o peggio parlare al telefonino come troppo spesso accade. Morale la soglia di attenzione dell'automobilista può scendere del 75%, come dimostrano più ricerche.
Ecco allora che farsi vedere diventa fondamentale per la propria sicurezza ed incolumità. Una scelta che ci farà apprezzare sempre più il color giallo fluo.

Cliccando sulla foto, la gamma alta visibilità di Spidi, una delle prime aziende a proporre soluzioni dedicate.



Nessun commento:

Posta un commento