14 agosto 2011

L'anello delle Dolomiti


Dopo quello svizzero, ecco un altro anello degno di essere percorso almeno una volta nella vita di ogni moto turista che si rispetti. Siamo nel cuore delle Dolomiti, circondati da paesaggi che distraggono in continuazione dalla guida. Uno splendore esaltato dalla luce che all'alba e tramonto regala colori da cartolina alla roccia preistorica di queste montagne.

E' un itinerario piuttosto breve, in cui però sono presenti passi da riferimento: Gardena, Sella, Pordoi e Campolongo. E poco sotto Fedaia, oltre al meno frequentato Giau. Tra i miei preferiti, la salita al Pordoi da Canazei, con i passaggi sotto le piste da sci sopraelevate, il tratto del Giau da Cortina e la coreografia del Falzarego, quest'ultimo penalizzato da un asfalto non sempre all'altezza e dall'intenso traffico di agosto.

Tra le località da scegliere come 'campo base', la mia preferenza va a Corvara. Accogliente e rilassante,  con una discreta ricettività alberghiera. Soprattutto centrale rispetto ai passi circostanti.


Nessun commento:

Posta un commento