14 gennaio 2013

Nuova Yamaha FJR 1300, Sport Tourer purosange


Ho sempre apprezzato questa sport tourer, e dopo averla vista rinnovata non posso che confermare la voglia di girare la chiave e partire per un viaggio con una della più belle novità touring di quest'anno. A dire il vero la definizione turismo sta stretta a questa Yamaha, che non si tira indietro in quanto a sportività. Già il telaio in alluminio si distingue, se poi ci mettiamo il motore 1.300 16 Valvole con i suoi 146 cavalli  e 138 Nm di coppia abbiamo detto molto sulla sportività. Ma il sistema D-Mode cambia il carattere del motore e permette di scegliere tra la guida sportiva o turistica, mentre le borse laterali, il parabrezza e la grintosa carenatura invogliano al turismo a lungo raggio.

In Yamaha hanno voluto due versioni: la A e l'ancora più ricca AS. Sulla seconda appare per la prima volta nella storia del costruttore, una sistema elettronico di regolazione delle sospensioni. Tramite un interruttore sul manubrio è possibile scegliere tra differenti posizioni: 'Uno', oppure 'Uno con bagaglio', 'Due' oppure 'Due con bagaglio'. Ad ogni posizione corrispondono poi altre tre scelte: 'morbido', 'standard' oppure 'rigido'. Un totale quindi di 12 posizioni, gestite dal sistema che regola in automatico il bilanciamento tra sospensioni anteriori e posteriori per una regolazione ottimale della guida.

Presente su AS anche il cambio senza frizione, migliorato e con la possibilità di cambiare con il piede sinistro o a mano, senza la necessità di preselezionare il rapporto come in precedenza. Aggiunto anche uno Stop Mode: quando ci si avvicina ad uno stop a bassa velocità, porta la marcia automaticamente in prima.

Ma i miglioramenti rispetto alla precedente versione sono parecchi, a partire dal controllo di trazione, che registrando gli slittamenti della ruota posteriore, diventa particolarmente utile sul bagnato o su insidiosi sterrati.

Intrigante anche il controllo della velocità di crociera: funziona in 3a, 4a e 5a marcia, tra i 50 e i 180 km/h, e si può regolare con colpetti sul cambio. Un bel aiuto quando si procede su strade con il controllo elettronico della velocità.

Infine, in tema di sportività, vale la pena segnarsi che FJR 1300 usa cilindri con progettazione simile alle sportive di famiglia R1 e R6: una vera garanzia.

Nessun commento:

Posta un commento